Fornitura di energia elettrica, chi risarcisce i danni da black out?

24.01.2011 17:16

(15/12/2010)Corte di Cassazione, sez. III, Ordinanza 15 Settembre 2010 , n. 19565

In caso di black out, è possibile addossare la responsabilità degli eventuali danni subiti all′ENEL Spa solo nell′ipotesi in cui si riesca a dimostrare che il Gestore della rete di trasmissione nazionale (GRTN) abbia immesso energia sufficiente in rete; altrimenti, in caso di effettiva mancanza di energia elettrica sulla rete la responsabilità dovrebbe essere addebitabile al GRTN.
 
Dalla normativa regolante il sistema elettrico nazionale all’epoca dei fatti di causa, e segnatamente dagli artt. 1, 2, 3, 9, 13, d. lgs. n. 79/1999 e dal D.M. Industria 7 luglio 2000, emerge che la trasmissione di energia, attraverso la Rete Nazionale (e perciò fino alle cabine primarie dell’Enel distribuzione) è gestita obbligatoriamente ed in esclusiva dalla GRTN s.p.a. (soggetto del tutto autonomo rispetto ad Enel Distribuzione); che Enel Distribuzione non può procurarsi energia al di fuori della Rete Nazionale.
 
Infatti sono riservati allo Stato ed affidati in concessione, in base ad apposita convenzione, al Gestore della rete, la trasmissione (consistente nel trasporto e nella trasformazione sulla rete interconnessa ad alta tensione) ed il c.d. dispacciamento (consistente nell’attività diretta ad impartire disposizioni per l’utilizzazione e nell’esercizio coordinato degli impianti di produzione, della rete di trasmissione e dei servizi ausiliari) dell’energia elettrica (con la conseguenza che le controversie aventi ad oggetto le domande proposte contro il Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale s.p.a. per il risarcimento dei danni cagionati dalla interruzione della somministrazione dell’energia elettrica sono devolute alla giurisdizione del giudice amministrativo; Cass. S.U. 14/06/2007, n. 13887).
 
Pertanto la s.p.a. GRTN non può considerarsi ausiliaria della convenuta ex art. 1228 c.c., poiché è un soggetto autonomo ed indipendente da questa e da qualsiasi altro soggetto operante nel settore elettrico ed è posto in posizione di supremazia rispetto a tali soggetti e di monopolista nella gestione della rete di trasmissione, controllando tutti i flussi di energia da chiunque immessa e prelevata sulla rete, senza alcun potere direttivo o di controllo dell’Enel distribuzione nei confronti di GRTN.
 
Infatti non tutti i soggetti della cui attività il debitore si avvalga per l’adempimento della propria obbligazione sono suoi ausiliari nei termini indicati dall’art. 1228 c.c.. Possono considerarsi tali soltanto coloro che agiscono su incarico del debitore ed il cui operato sia assoggettato ai suoi poteri direttivi e di controllo, a prescindere dalla natura giuridica del rapporto intercorrente tra loro ed il debitore medesimo, ovvero allorché sussista un collegamento tra l’attività del preteso ausiliario e l’organizzazione aziendale del debito della prestazione (cfr. Cass. 14/06/2007, n. 13953).
 
Inoltre la s.p.a. GRTN non può essere considerata ausiliaria dell’Enel Distribuzione in quanto non è stata liberamente scelta dall’Enel Distribuzione per la trasmissione di energia, ma è posta in posizione di monopolista, per cui ad essa l’Enel distribuzione doveva necessariamente rivolgersi per la trasmissione dell’energia da distribuire agli utenti.
 
Ciò comporta che, per potersi affermare la responsabilità dell’Enel distribuzione s.p.a. a norma dell’art. 1218 c.c., il giudice avrebbe dovuto accertare che nel giorno 28.9.2003 il Gestore della rete di trasmissione nazionale aveva effettivamente fornito l’energia elettrica alla cabina primaria dell’Enel distribuzione nella zona in questione.
 
Se invece fosse ritenuto vero quanto l’Enel richiedeva di provare con i propri testi in merito ad un black-out su gran parte della Rete nazionale e segnatamente sulla cabina primaria della zona, ovvero se in ogni caso tale fatto fosse ritenuto notorio, ne conseguirebbe che l’inadempimento nella somministrazione di energia elettrica non è imputabile alla convenuta, con conseguente rigetto della domanda”.
 
(Nella specie La terza sezione civile della Cassazione ha accolto il ricorso di Enel Distribuzione s.p.a., condannata in primo grado al risarcimento dei danni causati da black out ad un bar, poiché non aveva provato l’esistenza di una causa ad essa non imputabile della fornitura di energia elettrica all’utente finale.
 
In particolare, l’Enel sosteneva che, per effetto del d.lgs. n. 79/1999, le attività di trasmissione e dispacciamento dell’energia elettrica sono riservate allo Stato ed attribuite in concessione al Gestore della rete di trasmissione nazionale (GRTN); che il Gestore non aveva fornito energia alla cabina primaria dell’Enel distribuzione s.p.a. di Avellino, con la conseguenza che quest’ultima si trovava nell’impossibilità incolpevole di adempiere alla propria prestazione; che tale fatto era pacifico e non contestato, oltre che essere notorio in Italia.)

Contatti

Studio Vasini snc - Amministrazioni Condominiali, Immobiliari, Servizi e Consulenze c/Terzi

studiovasini@gmail.com

Via Mar Tirreno, 46
47814 Bellaria-Igea Marina (RN)
www.studiovasini.it

Orari Ufficio:
08:30-12:30 - 14:30-18:30
CHIUSO IL MERCOLEDI'

Rag. Raffaello e Dott. Marco
Telefono 0541.344651
Telefono 0541.345574
Telefax 0541.344777

Cellulare (+39) 380.7891757
Cellulare (+39) 346.9852347

Cerca nel sito

Foto usata sotto licenza Creative Commons da Fraser Mummery  Studio Vasini snc di Vasini Raffaello e Vasini Marco - © 2010 Tutti i diritti riservati.

Powered by Webnode