I muri perimetrali dell’edificio sono comuni anche se strutturalmente non sono equiparabili ai muri maestri

23.09.2011 15:39

 

(24/08/2011)di Alessandro Gallucci,

Tra le parti comuni di un edificio in condominio l’art. 1117 c.c. indica i muri maestri.
 
Essi sono quelle parti dello stabile che hanno la funzione di sostenere l’intera edificazione. Con il passare del tempo a questa tecnica costruttiva s’è andata sostituendo quella della costruzione con i pilastri portanti in cemento armato e con i così detti panelli di riempimento tra un pilastro e l’altro. Ci si è dunque domandati se anche i muri perimetrali così composti possano essere considerati beni comuni. E’ noto che l’articolo 1117 c.c. “ contiene un' elencazione non tassativa ma meramente esemplificativa dei beni da considerare oggetto di comunione” (così, tra le tante, Cass. 2 agosto 2010 n. 17993). Quello che conta ai fini della valutazione della condominialità d’un bene non inserito nell’elencazione codicistica né tanto meno indicato dagli atti d’acquisto è la valutazione della sua funzione rispetto alle unità immobiliari di proprietà esclusiva. In sostanza ci si deve domandare: quella parte dell’edificio assolve la sua funzione di accessorietà rispetto al complesso delle porzioni di piano di proprietà esclusiva. I muri perimetrali evidentemente si. Ce lo spiega chiaramente la Corte di Cassazione che in una delle varie sentenze sul tema (che portano tutte alla stessa conclusione) ha affermato che " i muri perimetrali dell'edificio in condominio, pur non avendo funzione di muri portanti, vanno intesi come muri maestri al fine della presunzione di comunione di cui all'art. 1117 cod. civ. in quanto determinano la consistenza volumetrica dell'edificio unitariamente considerato proteggendolo dagli agenti atmosferici e termici, delimitano la superficie coperta e delineano la sagoma architettonica dell'edificio stesso. Pertanto, nell'ambito dei muri comuni dell'edificio rientrano anche i muri collocati in posizione avanzata o arretrata rispetto alle principali linee verticali dello immobile". (Cass. 1986 n. 3867).
 
Del fatto è convinto anche il Tribunale de L’Aquila che, in una causa avente ad oggetto l’apposizione di una scala (utile ad una sola unità immobiliare) sul muro perimetrale d’una villetta bifamiliare e di fronte all’affermazione della parte convenuta (a rimuovere l’opera) secondo cui quella parte di muro era da ritenersi di sua proprietà esclusiva, ha affermato che “ i muri perimetrali di un edificio -i quali, anche quando, non hanno natura e funzione di muri maestri portanti delimitano la superficie coperta, determinando la consistenza volumetrica dell'edificio unitariamente considerato, proteggendolo dagli agenti atmosferici e ne delineano la sagoma architettonica- sono da considerarsi comuni ai proprietari delle varie porzioni dell'edificio, anche per le parti che si trovano in corrispondenza delle porzioni di proprietà esclusiva. Nella specie i muri perimetrali interessati dalle innovazioni denunciate in giudizio, ancorché corrispondenti alla porzione di proprietà esclusiva delle convenute debbono ritenersi comuni ai proprietari dell'altra porzione, facendo parte della struttura e della linea architettonica dell'intero edificio”. (Trib. L'Aquila 24 maggio 2011 n. 360).
 
Tutti i muri, quindi, salvo casi eccezionali, sono parti comuni a tutti i condomini che abitano un edificio indipendentemente dal fatto che vi sia corrispondenza fisica tra di essi e le unità immobiliari.
 

CondominioWeb.com
Avv. Alessandro Gallucci

Contatti

Studio Vasini snc - Amministrazioni Condominiali, Immobiliari, Servizi e Consulenze c/Terzi

studiovasini@gmail.com

Via Mar Tirreno, 46
47814 Bellaria-Igea Marina (RN)
www.studiovasini.it

Orari Ufficio:
08:30-12:30 - 14:30-18:30
CHIUSO IL MERCOLEDI'

Rag. Raffaello e Dott. Marco
Telefono 0541.344651
Telefono 0541.345574
Telefax 0541.344777

Cellulare (+39) 380.7891757
Cellulare (+39) 346.9852347

Cerca nel sito

Foto usata sotto licenza Creative Commons da Fraser Mummery  Studio Vasini snc di Vasini Raffaello e Vasini Marco - © 2010 Tutti i diritti riservati.

Powered by Webnode