L’assemblea del condominio parziale e il ruolo del regolamento. La nozione di condominio parziale ed i suoi riflessi

14.05.2010 10:25

 

(13/05/2010)di Alessandro Gallucci

L’art. 1123, terzo comma, c.c. recita: “ qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilità”.
 
Si tratta di una norma dettata in relazione alla ripartizione delle spese di quelle cose che, per le loro caratteristiche strutturali, sono utili ad una sola parte dei condomini.
 
Classico l’esempio dell’edificio con più di una scala dove la stesse servono solamente ad un gruppo ben delimitato di condomini (es. condominio Alfa con scala “A”, “B”, ecc.).
 
Si tratta del così detto condominio parziale la cui esistenza “ è ritenuta possibile sia dalla dottrina che dalla giurisprudenza (cfr. ex plurimis: Cass. 27.2.1995 n. 7885; 2.2.1995 n. 1255; 29.10.1992 n. 11775; Sez. Un. 7.7.1993 n. 7449) allorché all'interno del cd. condominio allargato talune cose - qualificate come comuni ex art. 1117 c.c. - siano per oggettivi caratteri materiali e funzionali necessarie per l'esistenza o per l'uso, ovvero siano destinate all'uso o al servizio, non di tutto l'edificio, ma di una sola parte o di alcune unità abitative di esso” (così Cass. 12 febbraio 2001 n. 1959).
 
Il Supremo Collegio ha altresì analizzato i riflessi pratici che l’affermazione dell’esistenza del condominio parziale porta con sé.
 
In una sentenza datata 1994 la Corte di Cassazione ebbe ad evidenziare che “ numerose ed evidenti sono le conseguenze operative del condominio parziale. Alla differente attribuzione della titolarità, si riconducono implicazioni considerevoli per quanto attiene alla gestione ed imputazione delle spese. Relativamente alle cose, ai vizi ed agli impianti,dei quali non hanno la titolarità, per i partecipanti al gruppo non si pongono questioni di gestione e di obbligazioni di contribuire alle spese. In particolare, non sussiste il diritto di partecipare all'assemblea, ragion per cui la composizione del collegio e delle maggioranze si modificano in relazione alla titolarità delle parti comuni, che della delibera formano oggetto e non sorge l'obbligazione di contribuire alle spese” (Cass. 27 settembre 1994 n. 7885).
 
In sostanza non solo le spese vanno divise esclusivamente tra chi trae utilità dalle cose oggetto del condominio parziale ma anche le decisioni ad esse relative devono essere assunte solamente da questi comproprietari.
 
E’ questo il punto nodale della decisione testé citata: la configurazione delle così dette assemblee parziali.
 
Si pensi ad un edificio in condominio con tre distinte scale tutte dotate di un autonomo portone d’ingresso, androne, ecc. Stando a quanto detto gli androni, i vani scale, ecc. non saranno di proprietà di tutti i condomini bensì dovranno essere considerati di proprietà esclusiva del gruppo di condomini cui servono.
 
S’ipotizzi che si renda necessario effettuare un’opera di pitturazione di uno degli androni. E’ evidente che in simili circostanze le decisioni relative agli interventi manutentivi, per quanto ci dicono dottrina e giurisprudenza, dovranno essere decisi solamente dal gruppo di comproprietari interessati.
 
Ciò vuol dire che sorta l’esigenza di intervenire sulle parti di proprietà comune ad alcuni, solo questi ultimi dovranno essere convocati in assemblea per assumere le decisioni del caso.
 
Non è raro, in virtù della strutturazione del condominio, che siano gli stessi regolamenti a prevedere in relazione alle parti di “proprietà parziale” delle apposite modalità di convocazione dell’assemblea, nonché delle tabelle specificamente necessarie a ciò.
 
Laddove non vi fosse tale regolamentazione, le regole da seguire sono quelle della convocazione dell’assemblea “classica” (art. 1136 e art. 66 disp. att. c.c.) e le maggioranze andrebbero riparametrate con un’operazione aritmetica che tenesse in considerazione solamente i millesimi dei condomini interessati.
 

CondominioWeb.com
Avv. Alessandro Gallucci

Contatti

Studio Vasini snc - Amministrazioni Condominiali, Immobiliari, Servizi e Consulenze c/Terzi

studiovasini@gmail.com

Via Mar Tirreno, 46
47814 Bellaria-Igea Marina (RN)
www.studiovasini.it

Orari Ufficio:
08:30-12:30 - 14:30-18:30
CHIUSO IL MERCOLEDI'

Rag. Raffaello e Dott. Marco
Telefono 0541.344651
Telefono 0541.345574
Telefax 0541.344777

Cellulare (+39) 380.7891757
Cellulare (+39) 346.9852347

Cerca nel sito

Foto usata sotto licenza Creative Commons da Fraser Mummery  Studio Vasini snc di Vasini Raffaello e Vasini Marco - © 2010 Tutti i diritti riservati.

Powered by Webnode